festival-comunicazione-e-informazione

FESTIVAL DELLA COMUNICAZIONE E DELL’INFORMAZIONE

INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

BARI – Fiera del Levante. Il 20 e 21 febbraio si è tenuto il primo festival della comunicazione e dell’informazione. Radio Frequenza Libera ha seguito e raccontato queste due giornate che hanno messo alla prova le nostre capacità comunicative, di confronto e scambio di idee. Abbiamo cercato di capire la distanza tra il mondo della Comunicazione e dell’Informazione Pugliese e il web. Il mondo della rete, dove noi di Radio Frequenza Libera siamo nati, spaventa ancora, infatti, le emittenti televisive e radiofoniche e le testate giornalistiche, che utilizzano i metodi tradizionali e solo adesso cominciano a sperimentare la rete per raggiungere gli ascoltatori della nuova generazione. Questa prima esperienza al Festival, per noi di Radio Frequenza Libera, è stata un’occasione di crescita personale e di raccolta di contatti che hanno portato ad un aumento dei nostri impegni radiofonici. Il Presidente di Radio Frequenza Libera Matteo Benedetto ci racconta : << Qualcosa che ci ha donato ancora più entusiasmo e la voglia di continuare per questa strada realizzando una forma alternativa, complementare e partecipata al modello dell’informazione tradizionale Italiana. Durante queste giornate abbiamo raccolto interviste e registrato le conferenze che si sono svolte abbiamo usato questo materiale per arricchire il nostro palinsesto >>. Ecco alcuni esempi:

1 FESTIVA DELLA COMUNICAZIONE E DELL’INFORMAZIONE

2 FESTIVA DELLA COMUNICAZIONE E DELL’INFORMAZIONE

innovattivi

InnovAttivi 2015!

Il contagioso ottimismo degli innovAttivi è stato il segreto del successo di questa seconda edizione dell’evento interamente pensato e realizzato dagli studenti del corso di laurea magistrale in Scienze dell’Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale dell’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari. L’evento si è svolto ieri a Bari presso il Centro Polifunzionale Uniba (ex Palazzo delle Poste), gremito da un pubblico di studenti, di esperti e di curiosi. Giornalismo, social network, pubblicità, innovazione e tanto altro: queste sono state le tematiche principali proposte dagli studenti in una serie di approfondimenti nella mattinata e nel pomeriggio di ieri. Tutto è stato trasmesso in streaming via radio su Frequenza Libera e in live blogging sui canali social, grazie alla diretta su Facebook, Twitter e Instagram.

L’evento si è aperto con i saluti istituzionali del Rettore Antonio Uricchio, del Direttore del Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Rosalinda Cassibba e della Presidente del Corso di Laurea Magistrale di Scienze dell’Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Angela Carbone, che hanno espresso grande entusiasmo per l’iniziativa, sottolineando la connessione con la manifestazione #Unibahaporteaperte, il momento serale che si è svolto subito dopo l’evento, in cui studenti e docenti sono scesi in piazza per manifestazione contro gli atti di vandalismo che hanno colpito nei giorni scorsi la sede universitaria.

m104_RSV50

REPARTO SPERIMENTALE DI VOLO AL POLITECNICO DI BARI

Settore Aerospazio: Lavoro, Imprese, Territorio, Progetti innovativi, Studenti, Ricercatori. Dott. G.Acierno  <<..sono state bandite 10 borse di studio, 3 ancora da assegnare a studenti che vorranno misurarsi su tesi svolte in ambito aerospaziale. Siamo alla ricerca di nuovi gruppi di sperimentazione per sostenere la crescita del settore, creando valore e quindi nuove opportunità per chi con questo sà misurarsi.>>

 

BARI -Frequenza Libera Web avvia i motori e scalda i microfoni per raccogliere nuovi  contenuti di un incontro al Politecnico di Bari in Aula Magna A.Alto, tra esperti nel settore aerospaziale, studenti, ricercatori, professori. In una conferenza che ha visto e ascoltato il Magnifico Rettore E.Di Sciascio, il Dott. G.Acierno Presidente del Distretto Aerospaziale Pugliese e rappresentanti del «Reparto sperimentale di Volo» di Pratica di Mare (Roma), confrontarsi sull’esperienza maturata nel settore, la presentazione di nuovi progetti e la richiesta di nuove figure professionali con determinate competenze per la fattibilità degli obiettivi fissati. Tra le interviste raccolte da Frequenza Libera Web, quella del Dott. G.Acerno che pone l’attenzione sull’importanza di una dinamica scientifica e industriale: « Questo è un momento utile per offrire a studenti una panoramica dinamica, scientifica e industriale dell’aeronautica Militare nel Paese e in Puglia dove la crescita, in termini di occupazione, esportazione e fatturato, è significativa. Ci sono nuovi progetti che richiedono nuove competenze e nuove sfide da perseguire con intenzione e passione, senza dimenticare che nel mentre si lavora oggi bisogna costruire già il domani.»

Il Distretto Tecnologico Aerospazio è un iniziativa nata per volontà e dinamismo di individui con l’obiettivo di dare una risposta alla crisi che il sistema di produzione, di alcune realtà pugliesi, rischia di subire proprio nella difficoltà per  le tradizionali imprese aeronautiche di reggere il passo  del cambiamento repentino del settore. E’ necessario inseguire un nuovo modello di organizzazione fatto da un sistema di piccole e medie imprese, adeguato tecnologicamente per competenze, dimensione e capacità finaziaria, che deve seguire i grandi programmi aeronautici. Il Distretto Tecnologico Aerospazio mette in primo piano il territorio. E’ un sistema fatto di produzione, investimenti, ricerca, formazione, finanziamenti, strategia di marketing e comunicazione, che si serve di partner come ad esempio le strutture pubbliche, le grandi industrie aerospaziali Italiane e Pugliesi per conseguire gli obiettivi preposti tra cui la cultura dell’innovazione, la classe di nuove figure che sosterranno la crescita nel settore, il drenaggio delle risorse del settore nel territorio e poi favorire le aggregazioni non più pubblico-privato ma privato-privato tramite le piccole e medie imprese. Dal 2007 al 2013 il Distretto Tecnologico Aerospazio ha seguito l’evoluzione di piccole e medie imprese constatando in sei anni di attività e collaborazioni, una crescita del 143% con un tasso di occupati laureati dal 18% al 31% ed una crescita nelle esportazioni dei prodotti. Dal 2009 si sta puntando sul tema del « non pilotato, autonomo » oltre che in ambito militare anche in quello civile volendo far diventare Grottaglie la sede di sperimentazione.

Per il Tenente Colonnello R.Ambra è stato un incontro per condividere le attività di ricerca del Reparto Sperimentale di Volo e far capire che anche in ambito militare si possono fare attività con un risalto non solo in ambito della difesa ma anche nel sociale umanitario «…occasione da ripetere anche in altre Università. I giovani rappresentano il futuro apprezzando quello che possono e confrontandolo con la realtà che sta evolvendo..». Presente anche il Capitano G.Aiolfi che ad oggi ha maturato tanta esperienza nel settore aerospaziale iniziando gli studi nel 2000 in Accademia Aeronautica Militare di Pozzuoli, nel 2005 in Texas Sheppard consegue il brevetto di pilota militare su T38 e T37 , nel 2006 con il 103° Gruppo Caccia Bombardieri presso la base di Treviso-Istrana, nel 2011 un concorso sperimentale e nel 2012 un corso di pilota sperimentatore e collaudatore negli Stati Uniti e da due anni con il Reparto Sperimentale di Volo: «…importante il contatto e il confronto con studenti e ingegneri per portare avanti progetti sperando in una collaborazione futura..». Il Capitano G.Del Genio Ing. Elettronico nella sezione modeling & simulation del gruppo aerospazio, pone l’attenzione ancora una volta sull’importanza dell’utilizzo delle proprie capacità oltre che in ambito militare anche in quello civile umanitario: « è stato un incontro per condividere competenze e conoscenze delle attività svolte presso ‘Pratica di Mare’ che vuole estendere il proprio dominio da quello aeronautico a aerospaziale ». Il Colonnello G.Ercolani ci presenta la realtà del Reparto Sperimentale di Volo in cui sono presenti attività di sperimentazione di tutto quello che precede l’impiego operativo di un sistema di carattere aeronautico che può essere messo al servizio degli operativi per esaltarne le caratteristiche, le capacità e l’impiego in sicurezza: «..aerospazio con indirizzo in campo civile. Ci sono nuovi programmi, nuovi progetti e quindi la necessità di un nuovo gruppo di sperimentazione..».

Frequenza Libera Web è sempre sul Contenuto con i microfoni ad alto numero di giri e ad alta quota. Libera il tuo contenuto e fallo girare nel mondo e da questo momento anche nello spazio.Tutti i contenuti sono presenti in podcast.frequenzalibera.it. Fate ascoltare la vostra voce su www.frequenzalibera.it

Contatti : info@frequenzalibera.it  guerino@frequenzalibera.it

 

 

1397235_673698392750349_1800974904955246088_o

L’UniBa ai voti! Dibattito elettorale a Radio Frequenza Libera!

A Frequenza Libera, la web radio studentesca e indipendente che trasmette dal Politecnico di Bari, si incontrano e confrontano le liste studentesche candidate alle imminenti elezioni dell’Università Di Bari. Attraverso domande sui temi più scottanti riguardo Consiglio di Amministrazione, Senato Accademico e Adisu, ascolteremo i pareri di ciascuna lista. Un evento radiofonico da non perdere per chi vuole votare con le idee chiare e fare una scelta consapevole.
In diretta dalle 17.00 giovedì 27 solo su www.frequenzalibera.it
Con la conduzione di Guerino Amoruso ed Enrico Corsini saranno con noi in studio le liste
AZIONE UNIVERSITARIA BARI
UP – Università Protagonista
Studenti Indipendenti
Link Bari

10418429_666630723457116_2593635856832420326_n

Riparte TRANNE LE PAROLE

Riparte il programma di approfondimento di Frequenza Libera.
Tranne le Parole si rinnova e al fianco di Matteo Benedetto ci sarà una cospeaker: Francesca Torre. Con argomenti di attualità e sempre nuovi ospiti, esploreremo insieme le realtà sociali che ci circondano, proveremo a capirne i temi e le problematiche, cercheremo di scoprire il nostro ruolo in questo mondo in continua evoluzione e che cosa possiamo fare per migliorarlo.

IN DIRETTA OGNI GIOVEDÌ ALLE 15.00

 

Logo+scritta

Un saluto ai nuovi amici di Alumni Mathematica!

Radio Frequenza Libera è ora in partnership con i ragazzi di Alumni Mathematica, un’associazione di studenti che sostengono e si impegnano in prima persona nella ricerca scientifica indipendente e promuovono il pensiero e l’approccio scientifico nella vita di tutti i giorni. Nel prossimo futuro lavoreremo insieme per portare avanti gli obiettivi che abbiamo in comune, anche con un nuovo format radiofonico che stiamo preparando assieme.

Insomma, diamo un caloroso benvenuto ai questi fantastici nuovi amici!

www.alumnimathematica.org

staff@alumnimathematica.org

10511553_470155963122877_7143243215974850373_o

FRU2014 “Festival delle Radio Universitarie”

FRU2014, è il Festival delle Radio Universitarie che quest’anno si è svolto a Novara dal 5 al 7 giugno, ospiti di Radio 6023 e dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro”. Numerose sono state le web radio che vi hanno partecipato con entusiasmo, voglia di crescere e di confrontarsi con tutte le altre realtà universitarie alla ricerca di una identità radiofonica. Tre giornate di workshop operativi e conferenze in cui autori, conduttori, giornalisti e professionisti nel settore, hanno discusso di evoluzione della radio, comunicazione sociale, avvento del web, conduzione, informazione, intervista radio, linguaggi e contesti. Frequenza Libera ha raccontato con interviste la sua partecipazione. E’ stato uno scambio di idee, di modi di fare Radio oggi e di come la tecnologia sta diventando sempre più presente e sempre più influente proprio nel modo di comunicare con l’ascoltatore 2.0. Un confronto tra le Web Radio universitarie ed esperti della radiofonia Italiana raccontando delle Radio Libere, delle Radio senza confini, come i 50’anni di Radio Carolineuna delle prime “radio pirata” del mondo e certamente la più famosa, la cui storia ha ispirato il celebre film I Love Radio Rock del 2009. Attenzione per la realtà attuale delle Radio, per l’assenza di contenuti e delle Web Radio che prendono cattivo esempio riproducendo male quello che fanno i grandi network e delle stesse Web Radio che all’estero oramai hanno già la loro storia, per cui una visione a 360° della Radio, spronando le nuove generazioni a costruire un nuovo modo di fare Radio. La passione per la Radio e la voglia di crescere, di capire, di festeggiare. Tre giornate intense che non si sono fatte mancare tanto intrattenimento con il “FRU contest music RadUni” in cui band emergenti si sono esibite, la musica di “Radio Deejay con i Dj set di Aladyn e Albertino”, la premiazione “contest miglior voce e miglior format RadUni” e le dirette durante tutto il giorno di Radio 6023, un gruppo di giovani con la passione per la Radio, come tutti del resto, professionali e disponibili nella gestione di questi tre giorni, a cui va il merito per la conduzione, non solo radiofonica. La Radio come mezzo per trasmettere contenuti, musicali e d’intrattenimento. Ma anche interesse, sapere, educazione, rispetto, valori, cooperazione e volontariato. La Radio come mezzo che può migliorare la qualità della vita in tanti contesti: aziendale, universitario, associativo, ma soprattutto personale, nei rapporti con il prossimo. La Radio, come mezzo per ascoltare la propria voce, così com’è, vera, imperfetta tante volte, che però rispetta le regole delle nostre emozioni e di quello che si vuole raccontare e far raccontare, così che le nostre parole possano diventare la nuova musica della Radio del futuro. Un contenitore di contenuti, Frequenza Libera, lo è di sicuro. Decidendo di escludere il contenuto musicale , per motivi ovvi dovuti a spese di SIAE e SCF, utilizzando musica creative commons come corollario, molto piacevole da ascoltare. Una Web Radio decisamente a costo zero. Tutto questo grazie all’intuizione del Presidente e fondatore di Frequenza Libera, Matteo Benedetto e di tutti gli associati che hanno voglia di raccontare.

info@frequenzalibera.it  Fai ascoltare la tua Voce. Collabora con noi e ascoltaci su www.frequenzalibera.it

fru

10436318_572534622866727_4584603148354548513_n

Volo ipersonico per il trasporto di passeggeri e merci

Tra gli incontri Istituzionali del Politecnico di Bari, quello dedicato al settore aerospaziale, con obiettivi di incontro tra aeronautica e spazio, è stato motivo di soddisfazione. Professori, ricercatori e studenti hanno affrontato e approfondito, in un programma intenso di due giorni, tutti gli aspetti sulle prospettive, le problematiche e le soluzioni tecnologiche legate al ” volo ipersonico per il trasporto di passeggeri e merci pericolose ” , immaginando un viaggio con una traiettoria parabolica nello spazio, da Roma a New York in sole 2 ore. Frequenza Libera, la Web Radio che trasmette dal Politecnico di Bari, ha raccontato questo incontro e intervistato Roberto Vittori, ” Ufficiale dell’Aeronautica Militare e astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ” e Andrea Bolle, Ingegnere aerospaziale e Ingegnere sistemista presso Telespazio S.p.A, che sono stati ospiti e relatori di rilievo del Politecnico. Tra le interviste anche il Prof. Riccardo Amirante ” Delegato della Comunicazione e Immagine Istituzionale del Politecnico di Bari ” e il Prof. Michele Napolitano ” Direttore della Scuola di Dottorato del Politecnico di Bari” che ha presentato tutti i progetti, finalizzati al miglioramento delle problematiche del volo ipersonico, quando questo è suborbitale. La conferenza si è conclusa con una nota dell’ Ing. Andrea Bolle il quale dice che  << è un dovere, mettere tasselli dove mancano.La dinamica del volo, la controllabilità, l’inviluppo di volo, le infrastrutture e le normative. Fondamentali per indirizzare nella maniera più corretta possibile gli sviluppi del Paese >>.

Ascolta la diretta su www.frequenzalibera.it domani 3 giugno alle 12.00